Scuola Italiana Sommelier Scuola Italiana Sommelier Scuola Italiana Sommelier
Notizie
Tutte le ultime notizie dalla Scuola Italiana Sommelier

VINI PER SOGNARE

da Winenews.it

02/01/2020
Fotografia
Vini per sognare, le classifiche di fine anno di Wine-Searcher dedicate all’Italia. L’inizio dell’anno è, tradizionalmente, momento in cui si fanno i buoni propositi per il futuro. Ed uno di questi potrebbe essere di portare nella propria cantina etichette da sogno.

Come l’Amarone della Valpolicella Classico Selezione di Giuseppe Quintarelli, una cui bottiglia, in media, nelle enoteche del mondo, si trova a 1.135 euro, o magari una di Barolo Monfortino Riserva di Giacomo Conterno, che sta sui 1.108 euro. Due mostri sacri dei rispettivi territori, che sono al momento i vini italiani più costosi del mondo secondo Wine-Searcher, il portale che incrocia costantemente i prezzi di oltre 91.000 tra wine merchant ed enoteche (escluse le quotazioni delle aste).

Nella classifica, sul podio, c’è anche il Barbaresco Crichet Paje di Roagna, a 738 euro a bottiglia in media, seguito dal Barolo Le Rocche di Castiglione Falletto di Bruno Giacosa, davanti ad un altro mito come il Masseto, a 704 euro.

Più “abbordabile”, si fa per dire, una bottiglia di Brunello di Montalcino Riserva di Case Basse di Gianfranco Soldera, che viaggia sui 653 euro a bottiglia, davanti a quello che, probabilmente, è il vino più sorprendente in questa speciale classifica, il Calvari Refosco Colli Orientali del Friuli di Miani, a 620 euro a bottiglia, davanti ad un’altra etichetta di Quintarelli, l’Amarone della Valpolicella Classico Riserva, a 613 euro.

A chiudere la “top 10” italiana, il Barolo Monprivato Cà d’Morissio di Giuseppe Mascarello e Figlio a 556 euro a bottiglia, ed il Barolo Vite Talin di Luciano Sandrone, a 536 euro.

Diversa, invece, la classifica per “qualità”, che Wine-Searcher stila incrociando i punteggi di più fonti della critica (con i giudizi di Antonio Galloni, Jancis Robinson, The Wine Advocate, Luca Gardini, La Revue Du Vin de France, Wine Spectator, Wine Enthusiast e CellarTracker, ndr).

Con 95 punti, per il Belpaese, ci sono, nell’ordine, l’Occhio di Pernice di Avignonesi, il Barolo Monfortino Riserva di Conterno, il Sorì San Lorenzo di Gaja, il Masseto, il Solaia di Antinori, il Brunello di Montalcino Cerretalto di Casanova di Neri ed il Sassicaia della Tenuta San Guido.
Vini da sogno per brindare al 2020 appena iniziato, o da mettere e tenere ancora in cantina, e da stappare nella classica occasione speciale.
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Stampa la pagina